Il Protector è stato sviluppato con tecnologia Blebricks per dare una risposta veloce e concreta alla crescente domanda di strumenti di misura e di controllo a supporto delle politiche di distanziamento sociale. Il dispositivo, nei limiti consentiti dalla legislazione vigente e nel rispetto della privacy, rileva e memorizza i dati di prossimità in forma anonima, segnalando violazioni della distanza di sicurezza e gli eventuali assembramenti. La batteria può durare fino a due anni e non sono richieste operazioni di ricarica o manutenzione a totale vantaggio dell’affidabilità del sistema di monitoraggio.

 

Quali sono le funzioni del Protector?

I Protector, indossati dai singoli individui, sono sviluppati a supporto delle politiche aziendali mirate a garantire lo svolgimento dell’attività lavorativa in sicurezza tramite:

  • SEGNALAZIONE DISTANZA: in caso di violazione del mantenimento della distanza minima (misura configurabile dall’azienda), gli individui vengono avvisati dal dispositivo;
  • REGISTRAZIONE INTERAZIONI: il Protector registra tutte le interazioni personali che risultino inferiori a una distanza minima da mantenere (misura configurabile dall’azienda) e con durata significativa (misura configurabile dall’azienda);
  • FUNZIONE RESCUE: la situazione di emergenza o di allerta viene segnalata a tutti i dispositivi in prossimità oltre all’infrastruttura aziendale;
  • SEGNALAZIONE STATO DI SHOCK: il dispositivo segnala se si verificano urti di significativa intensità;
  • SEGNALAZIONE CONDIZIONE “UOMO A TERRA”: il Protector segnala la condizione di uomo a terra;
  • FUNZIONE ANTI-PANICO: premendo il pulsante antipanico, l’individuo può segnalare una condizione di pericolo;
  • TACITAMENTO PER GRUPPO DI UTENTI: l’azienda può disattivare la funzione di “segnalazione distanza” per gruppi di utenti (e.g. negativizzati, membri della stessa famiglia…);
  • MODALITA’ ON-THE-FLY: il Protector può essere riconfigurato (al volo) da remoto per adattarsi a diverse condizioni operative;
  • SEGNALAZIONI DA REMOTO: i dispositivi possono essere utilizzati per segnalazioni di eventi particolari (e.g. incendio, fuga di gas…) da parte dell’azienda.

 

Come funzionano i Protector?

I Protector possono essere usati, senza infrastrutture ausiliarie, per rilevare, segnalare e memorizzare in modo anonimo i dati di prossimità. l Protector comunicano tra loro per stimare la distanza relativa tramite Bluetooth® Low Energy (BLE). Inoltre, tramite l’applicazione fornita, MyProtector, i Protector possono essere configurati in base alle necessità e ai bisogni dell’azienda.

 

Come funzionano i Protector in presenza di un’infrastruttura (gateway e software)?

I Protector possono connettersi ad Internet tramiti appositi ricevitori (Gateway) e, quindi, scambiare i dati raccolti con un server remoto. I Gateway provvedono autonomamente a selezionare i Protector presenti entro il raggio di azione, a connettersi con essi, a scaricare i dati ed inviarli direttamente al server. Un apposito applicativo può quindi essere utilizzato per segnalare e tracciare eventuali situazioni di rischio per la forza lavoro e, conseguentemente, per intervenire in modo opportuno verso gli operatori che hanno interagito significativamente con la persona positiva.

I dispositivi: i Protector e i Gateway

Il Protector è disponibile in due versioni completamente personalizzabili: il badge, e il braccialetto. La tecnologia, infatti, può essere integrata all’interno di diversi supporti per evitare dimenticanze da parte dei lavoratori e per avere un unico e completo dispositivo.

 

II Gateway possono essere di due tipi: Gateway SW – qualsiasi Smartphone Android può essere utilizzato come Gateway, installando ed attivando l’applicazione Bricksdoor – e i Gateway HW. I Gateway HW possono essere forniti comprensivi di tutti i sensori della famiglia Blebricks (e.g. sensori presenza, qualità dell’aria, CO2 e di particolato – PM2.5, PM10 -) e sono disponibili nelle versioni RPI ed ESP.

 

Ulteriori impieghi del Protector

E’ possibile integrare il Protector con altri supporti (infrastrutture o ausiliari) per implementare i suoi benefici e vantaggi, come:

  • beacon: può essere utilizzato in applicazioni di controllo accessi come Beacon di lunga durata (>10 anni) avente funzionalità di man down e shock detection.
  • dispositivi di localizzazione (RTLS): combinando i Protector con Gateways o sistemi RTLS avanzati (Quuppa), si possono localizzare con la precisione desiderata oggetti e/o persone.
  • dispositivi di segnalazione remota: i dispositivi di segnalazione (LED-RGB, Vibro-Motor, Buzzer) possono essere comandati da remoto tramite Gateways per notificare condizioni di pericolo, individuare oggetti etc.
  • sensori: il Protector può essere dotato di tutti i sensori della famiglia Blebricks. Ad esempio, può integrare sensori atti a misurare i principali parametri fisiologici.

 

Applicazioni

I Protector possono essere utilizzati in diversi contesti quali: uffici, fabbriche, business centers, linee produttive, magazzini, ospedali, mense aziendali, cantieri, palestre, piscine, parchi divertimento, musei, cinema e teatri, eventi, negozi, stadi, navi da crociera, e scuole.

 

 

Per saperne di più scrivi a info@bleb.it

Scopri di più sui Blebricks